Archivio per 27 settembre 2015

Buongiorno sono il sole…

Pubblicato: 27 settembre 2015 in Uncategorized
‪#‎LABUONANOTIZIA‬
27 settembre 2015-26.a Domenica T.O.
Liturgia: Nm 11,25-29; Sal 18; Gc 5,1-6; Mc 9,38-43.45.47-48
1890_van_Gogh_First_Steps_-_after_Millet_anagoria
+ Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi. Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue».
20150927_071244
Buongiorno sono il sole…più leggo il Vangelo e più mi convinco che il Signore ci insegna ad essere sempre di più belli e buoni, come quei dolcetti in vetrina delle migliori pasticcerie che sono belli da vedere e buoni da mangiare! leggi certe storie e ti viene la voglia di leggerle ancora, perchè tutte sono impastate di limiti, di fragilità, di problemi e sofferenze, ma alla fine il lievito che fa fermentare la pasta, di quello che a noi sembra schifezza, è l’Amore di Dio che con la sua bontà e misericordia ri-crea dei capolavori.
Guardiamo Pietro, in un attimo passa dall’essere il primo della classe tra gli amici intimi di Gesù al compagno di banco di Satana, perchè ancora non ha capito che se vuoi vincere devi perdere; poi, dopo Pietro, uno ad uno tutti gli altri che si sono messi a litigare per decidere chi era il più grande, lo fanno lì con il Maestro del Bello, del Buono e del Vero a due passi, loro che sono venuti al mondo, sono stati amati, scelti e mandati per portare la Buona Notizia a tutti, litigano per delle cavolate terrene. E oggi? Oggi questo fantastico gruppo di allegri compagni del Maestro ci mostra un altro lato della loro (e della nostra, diciamocelo) piccineria umana: la GELOSIA!
Eccoli qua gli invidiosi: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Che ci stanno a fare qui nel nostro orticello persone che sanno fare il bene meglio di noi? A casa loro! Qui entra solo chi fa parte dell’azionecattolica, chi è stato scelto dal Parroco per far parte del consigliopastoraleparrocchiale, chi fa l’animatore all’oratorio ed è venuto alle riunioni, chi ha degli incarichi scritti sul foglio dei lettori dei giorni feriali e delle domeniche…gli altri, per favore, a casa loro! Poi, figuriamoci, chi li ha mai visti a messa? Scusa Maestro ma il bene lo possiamo e lo sappiamo fare solo noi…
Gesù poverino per la terza domenica consecutiva ci spiega che i migliori, dentro il paese del Vangelo, non sono gli uomini perfetti ma le persone vere. A lui sta a cuore il bene che ciascuno ha il coraggio di lasciare dietro di sé.
Ecco, io oggi ringrazio il Signore di aver creato gli apostoli perchè sono lì a ricordarmi che i migliori pasticcini del mondo non sono belli da vedere e buoni da mangiare ma sono i bruttimabuoni e sono lì a dirmi tutti i giorni che il Vangelo è la mia storia, una storia vera che deve migliorare ogni giorno, ogni giorno c’è una compilation di gelosia e invidia, di limiti e fragilità, di balle e di bugie, ogni giorno Matteo, Marco, Luca e Giovanni ci regalano pezzetti di bellezza inaudita, la bellezza che passa nella nostra storia ferita da peccata ma seminata di bene!
Ciao belli!