Buongiorno sono il sole…XXX domenica del Tempo ordinario Anno A

Pubblicato: 29 ottobre 2017 in Uncategorized

#LABUONANOTIZIA
XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO A

+ Dal Vangelo secondo Matteo 22,34-40
In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?». Gli rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: Amerai il tuo prossimo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

Buongiorno sono il sole, siamo reduci di una domenica in cui Gesù ha messo a tacere i capetti facendoci capire di chi siamo. Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio: noi siamo dono di Dio da restituire a Dio nell’amore, eppure un dottore della Legge recalcitrante, giusto per calcare un inciso ci riprova: “Maestro, qual è il più grande di tutti i comandamenti?” 
E’ una domanda tipo interrogazione che se rispondi esatto passi l’esame oppure è una domanda per un di più di fede? Sarà quel che sarà ma Gesù, che non vuole essere imperativo, qui non usa mezze misure: “Amerai“. Non c’è altro da dire, andrai, stop! Non dice: senti affetto per gli altri, usa un po’ di carità con il povero, sii attento a chi ti sta accanto, seduci con garbo, fai il gentile, vivi volendo bene. No! Amerai, voce del verbo amare al futuro, per tutta la vita che hai davanti, lo stesso amare che usa Dio tutti i giorni, amare come dare la vita, amare come consumarsi per l’altro, amare come perdersi per ritrovare veramente chi sei, amare come morire sfinito con quello sguardo che dice: ho dato tutto. E se ancora non abbiamo capito lui continua: oltre che amare il Signore con tutto quello che sei, mente, anima e corpo, tutto per il Tutto, ce n’è ancora: “Amerai il prossimo tuo come te stesso”. Come te stesso? ma se te non ti ami, se te ti disprezzi, se te non ti piaci mai reputando gli altri sempre un gradino più su di te? come te stesso, te che sei creato da un Dio che vede tutto bello, buono e vero e in questa bellezza ha creato anche te. Amerai Dio e il prossimo, perchè questi due amori volano sempre in coppia. Amerai Dio se amerai te stesso e amerai il prossimo come te stesso, un circolo virtuoso che ti fa credere di più nella tua possibilità di bene, con la tua ciccia che esce dai pantaloni stretti, le tue gambe storte, quel brufolo che proprio oggi non doveva uscire, quei tre capelli bianchi che spuntano dicendoti la vecchiezza che avanza, amerai perchè sei amato da Dio così come sei, amato per amare è la più bella notizia mai ricevuta e ora va ridonata.
C’è altro che l’amore? c’è altro che amare e essere amati? c’è un come, tra amare ed essere amati c’è solo un come, ed è il riflettere Dio qui su questa terra!…a volte basta anche solo un sorriso è avere occhi per dire grazie a un Dio che sa fare cose meravigliose anche con noi che ci stimiamo zero. Ciao belli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...