Buongiorno sono il sole…V domenica di quaresima – anno B – Rito romano

Pubblicato: 18 marzo 2018 in Uncategorized
#LABUONANOTIZIA
18Marzo 2018
V DOMENICA DI QUARESIMA – ANNO B – RITO ROMANO

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 12,20-33)
In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa, c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsaida di Galilea, e gli domandarono: “Signore, vogliamo vedere Gesù”. Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: “È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome”. Venne allora una voce dal cielo: “L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!”. La folla che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: “Un angelo gli ha parlato”. Disse Gesù: “Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me”. Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

Buongiorno sono il sole, siamo alla V domenica di quaresima, tecnicamente l’ultima perché domenica prossima è la Domenica delle Palme che segna l’ingresso nella Settimana Santa. C’è una frase bellissima che alcuni greci urlano a Filippo e che ci mette nel cuore tanto desiderio di seguire e servire il Signore: “Vogliamo vedere Gesù”. Mi piace un sacco questa scena perché vuol dire che i discepoli sono stati così entusiasti nell’annuncio che hanno seminato il contagio. Passione e convinzione, una bomba mix per raccontare la loro incredibile avventura col Maestro. Oggi chi ci può aiutare a diventare portatori sani di buone notizie è Filippo e suo fratello Andrea che hanno saputo testimoniare al mondo intero, anche a degli stranieri, che seguire il Signore non solo è possibile ma è bello. 
L’abbiamo detto, stare davanti al Crocifisso è duro, soprattutto quando ti mette di fronte alla verità di te stesso, verità che te tieni ben nascosta per non turbarti e non turbare ma Gesù ti incoraggia a ri-cominciare con Lui e con molta libertà: “se uno mi vuol servire mi segua”. E’ la sua dichiarazione d’amore, un Dio che si innamora di te e chiede il contraccambio, non bacini bacini, carezze e coccole, anche se sono permesse, ma costruire una vita insieme anche discutendo, educarsi a camminare allo stesso passo, condividendo scelte e interessi, adattando il proprio gusto a quello dell’altro, correggendo e limando il proprio carattere per essere più gentili e provando a chiedere scusa una volta di troppo se di troppo si tratta. Innamorarsi di Gesù è sapere che tutto quello che tu vivi, notte e giorno, è per lui. È tutto suo, un vuoto a perdere, è essere come quel chicco che non è solo una bella frase del Vangelo ma è perdere la vita per una vita più bella, più piena e più vera, una vita beata: “se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane da solo; se invece muore produce molto frutto”. Ma avete in mente come sono le spighe d’estate? Avete presente i campi dorati che si perdono a vista d’occhio e non ne vedi la fine? avete presente il vento sulle spighe che canta? Avete presente il colore del grano al tramonto? Bello vero? Ma sapete come era all’inizio così tanta bellezza? Un chicco di grano marcio nascosto sotto la terra che a vederlo non avresti scommesso nulla! Gesù sceglie questo chicco di grano per rivelarsi, questo chicco di grano è quello che i greci vogliono vedere! Un chicco di grano caduto in terra che muore e porta un frutto che mai avremmo sperato, noi… che grandi speranze nutriamo. Gesù fa questa proposta: “se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane da solo; se invece muore produce molto frutto”. E sì! L’ho sempre detto che questo Dio è un po’ ‘fuori’, fa marcire i nostri sogni di successo per far brillare le perle di sudore della nostra fatica. Poi quando inizi a comprendere un pochino la sua logica e ti allinei sulla traiettoria di un volere troppo alto Lui ti chiama ad un altro oltre, non per sfibrarti in una sorta di mobbing evangelico ma per farti credere che non siamo soli, che le nostre braccia hanno bisogno delle sue, che il nostro cuore ha bisogno del suo, che la nostra voce ha bisogno della sua, che da soli non ce la potremmo fare, soprattutto quando la vita di coppia sta vivendo una fase di crisi profonda, quando il dolore di aver perso un figlio ti attanaglia il cuore, quando è mesi che cerchi un lavoro ma nessuno ti vuole e sei troppo disperato per cercare ancora, lui ti chiama ad un oltre, ti invita ad alzare lo sguardo da terra e, come uno sposo, di sussurra: prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia. 
È solo un chicco ma se guardi oltre vedi le spighe, senti il canto del grano, vedi il colore al tramonto, lo sguardo si perde nell’infinito di un campo che sembra non finire mai e riprendi coraggio, cammini e accetti la sua proposta: “Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore”.
Coraggio se stiamo con Lui, Lui è sempre con noi e dove tutti vedono il chicco di grano marcio noi vediamo un campo di grano. Ciao belli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...