Solennità dell’Immacolata Concezione di Maria 2018

Pubblicato: 8 dicembre 2018 in Uncategorized

#LABUONANOTIZIA
Gen 3,9-15.20 – Salmo 97 (98) – Ef 1,3-6.11-12 – Lc 1, 26-38

imm2018

Dal Vangelo secondo Luca 1, 26-38
In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.
Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». 
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

L'immagine può contenere: cielo, nuvola, spazio all'aperto e natura

Buongiorno sono il sole,
sospendiamo la nostra apertura delle finestrelle dell’Avvento per aprire la Casa di Maria di Nazareth come ha potuto aprirla, quel giorno benedetto da Dio, l’Arcangelo Gabriele.
Un angelo che dall’immensità del cielo sceglie uno dei più piccoli paeselli della Terra solo perchè obbedisce a un desiderio: Dio sceglie una ragazza fra tante ed è proprio Lei, Maria, scelta per essere la Madre di suo Figlio, una povera ragazza di Nazareth che tutti ora chiameranno Beata.
Così l’angelo parte ed entra nella sua Casa portandosi dietro tutto il sogno di Dio, il cambiamento, l’oltre di un quotidiano normale, senza nessun decreto di sicurezza ma fidandosi della pura libertà di un sì di una giovane ragazza palestinese, entra da Lei come può entrare nella mia casa oggi, domani o in un qualsiasi giorno fatto di lacrime o di gioia, entra e porta un saluto.
Entra e con Maria compie gesti delicati, la chiama per nome e in quel saluto le indica la sua vocazione, una chiamata alla gioia: “chaire“, che vuol dire “rallegrati“, “gioisci“, “sii felice“.
Quanto sarà bello un saluto così? uno ti entra in casa e ti dice: sii felice, rallegrati, sii nella gioia… non ti dice di pregare, non ti dice di fare qualcosa, ma ti fa una promessa, Dio con la bocca dell’angelo dice: “chaire”, dice di esser felice. 
L’angelo continua le sue presentazioni, non tanto per dire chi è lui ma chi sarà lei, la piena di grazia; c’è solo un particolare, lei non lo sa ancora, nella Bibbia non l’aveva ancora letto e si turba un attimo, piena di grazia, piena di Dio, graziata in un secondo, in un entrata al volo di un angelo le è cambiata la vita, Dio si è innamorato di Lei, l’ha scelta, amata e riempita di grazia. Da quel giorno per noi è Immacolata, è la Donna vestita di sole, è la piena di Grazia così piena che possiamo osare chiederne qualcuna anche noi attraverso di Lei, non a Maria ma per Maria.
Lei è Immacolata non perchè ha detto sì a Dio ma perchè Dio l’ha scelta prima ancora che Maria rispondesse sì. Già! Maria, questo Dio un po’ folle, lo fa attendere un attimo poiché una domanda le sale dal cuore: come è possibile? Un attimo solo ma per dirci che è donna normale, una donna feriale, una come noi. Come è possibile? sogno o son desta? ha bisogno di capire, ma è un attimo, medita nel suo cuore e da quel cuore impregnato di preghiera esce il sì, un sì nella piena libertà, piena intelligenza, piena maturità, pieno amore. Sì, eccomi, sono la serva del Signore e, da quel momento, lei, Maria di Nazareth, la Donna con un Nome nuovo, l’Immacolata Concezione, ogni giorno sussurra ad ogni uomo e ad ogni donna della terra, presi dal panico di mille preoccupazioni: Non temere! Lo dice con la semplicità della giovane ragazza di Nazareth, lo dice con la certezza nel cuore che a fidarsi e ad affidarsi a Dio ci si guadagna sempre, lo dice perché lei lo sa che, in questo mondo, sta in piedi solo chi si mette in ginocchio a pregare e a servire l’altro, in questo mondo cammina a testa alta chi sa guardare il cielo e rispondere sì ad un volere che sconcerta, che fa traballare il cuore e che ci chiede cose folli, quelle cose folli che piacciono a Dio.
Grazie Madonna piena di grazia, il tuo sì ha dato al mondo il Figlio di Dio, rendici capaci di seguirlo e accompagnaci in questo cammino con la stessa fede che ha mosso i tuoi passi rendendoti Bella, la Tutta Bella!
Ciao belli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...