Buongiorno sono il sole…XX domenica T.O. – Anno C – Rito romano

Pubblicato: 18 agosto 2019 in Uncategorized

#LABUONANOTIZIA
18 AGOSTO 2019 – XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C
RITO ROMANO 

NOVENA T5.jpg
Dal Vangelo secondo Luca Lc 12,49-53
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».


Buongiorno sono il sole, oggi nel Vangelo abbiamo una parolina strana, sì perché la parola “divisione” in un contesto evangelico che deve sapere di comunione, non suona bene, però Gesù la dice e quindi cerchiamo di capire il perché.
La buona notizia però inizia dal fuoco.
Gesù viene dicendo: «Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso!».
Bella figura, anche su questo l’abbiamo deluso in partenza, lui vorrebbe incendiare il mondo ma nel mondo ci sono i tiepidi che mantengono la temperatura bassa, lasciano che la legnaia si riempia di umidità e il braciere non arde come vorrebbe il Maestro. Ma lui il fuoco lo porta comunque, così come porterebbe il vino buono alla festa, così come darebbe qualsiasi cosa purché di vedere l’altro felice e non chiede altro, solo che qualcuno lo accenda il fuoco, ad alimentarlo poi ci pensa lui. 
Andrebbe tutto bene se non fosse per il tono della voce malinconico, deluso e amareggiato, il desiderio del suo cuore non infiamma più nessuno, lui il fuoco è venuto ad alimentarlo ma a che serve questo suo desiderio se nessuno sulla terra l’ha acceso? Guarda il sole nel cielo, splende ma se te non apri gli scuretti o tiri su la tapparella, il sole te non lo vedi.
Lui è il Fuoco che scalda, lui è la Luce vera che illumina i cuori, non confonderti con una semplice lampada da tavolo, o quella pinza con lampadina dell’Ikea che usi per leggere a letto, Dio con te vuole fare cose grandi e nella logica del Regno dei cieli non ci sono sconti, non ci sono i saldi di fine stagione, lui non illude, quello che ha da dire lo dice chiaramente e se te lo vuoi seguire devi essere pronta a tutto, devi essere pronta ad andare contro tutti se serve, anche contro quelli di casa, devi essere bella e originale come lui ti ha pensato, creato e amato.
È qui la parola più dura del Vangelo di questa domenica, è qui che entra in gioco la parola “divisione“, la buona notizia in questa ventesima domenica passa dalla divisione, dal mettersi contro, dall’essere disposti a tutto pur di andare dietro a Gesù.
Sapete come si purifica l’oro dalle scorie? si passa al fuoco, così come uno fa pulizie con le amicizie su Facebook, ne elimina un po’, sopratutto quelli che sono in contrasto con il suo pensiero, clicchi elimina e taaac! un amico è fatto fuori, pulizia e via e te non ci sei più!
Dio a volte spaventa, è vero, ma io mi fido, anche quando mi dice: «padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera». Io mi fido, anche se questo mi sembra una strage familiare più che un vangelo, ma io mi fido, perché lui non conosce la parola compromesso, lui è onesto e sincero, lui mantiene quello che promette, lui una volta ha detto che chi lo segue dovrà passare per la persecuzione, ma ha detto anche che chi lo segue avrà la vita eterna.
Oggi la buona notizia è un Fuoco che arde solo nel cuore di chi decide di accenderlo, dentro di noi è stata aperta una porta sul possibile, sta a te decidere di passarla, sta a te decidere di appicciare il fuoco con la “Diavolina” o usando il cuore, sta a te scegliere la strada da percorrere però sappi che c’è un punto fuoco da trovare, ti devi fidare e lasciare a Dio di fare il suo mestiere.
La cosa bellissima è che, nella storia, ci sono sempre state donne e uomini dal cuore appassionato che hanno incendiato il mondo con una vita veramente fatta a misura di Vangelo, donne e uomini santi, come Chiara e Francesco, Teresa e Agostino, Ignazio e Filippo, Giovanni Bosco e il Cottolengo, Teresa di Calcutta, Frere Roger e Giovanni Paolo II, Chiara Corbella, Chiara Luce Badano e Piergiorgio Frassati e tanti altri come me e te che seguiamo un Dio che va controcorrente, che ai potenti preferisce i piccoli, che ai sani preferisce i malati, che ai ricchi preferisce i poveri, che a tutti dice con le parole di Santa Caterina da Siena ripetute da Giovanni Paolo II alla GMG di Roma: «Se sarete quello che dovete essere, metterete fuoco in tutto il mondo!». Buona domenica e ciao belli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...