Archivio per 29 settembre 2019

#LABUONANOTIZIA
29 SETTEMBRE 2019 – XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C – RITO ROMANO
image
Dal Vangelo secondo Luca
Lc 16,19-31
In quel tempo, Gesù disse ai farisei:
«C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe.
Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”.
Ma Abramo rispose: “Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”.
E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”».
Buongiorno sono il sole, in questa domenica vi regalo una favola: c’era una volta un re, seduto sul sofà che disse alla sua serva, raccontami una storia, la storia incominciò: c’era una volta un re, seduto sul sofà… quante volte la nostra vita è come una favola che continuamente ricomincia da capo lasciandoci uguali. Eppure, la storia che oggi ci racconta Gesù, può aiutarci a fare la differenza, perché si può scegliere se ripetere gli stessi errori oppure vivere da protagonisti, proiettati in avanti e senza più guardare al passato.
C’è una frase nella parabola che mi ha colpito moltissimo ed è il “grande abisso” descritto da Abramo all’uomo ricco: per tanti di noi, è facile pensare che si arrivi in cielo e ci sia uno incaricato di mandarti all’inferno o farti accompagnare in paradiso, ma il grande abisso lo costruiamo noi già sulla terra, in base alle nostre scelte più o meno sensate, più o meno impregnate di amore.
Cosa fa di male il ricco? Nulla.
Non lo dobbiamo colpevolizzare se mangia fino ad essere talmente satollo da non riuscire più a rialzarsi da tavola, non è una colpa la scelta di vestiti belli ed eleganti o una casa domotica con i migliori comfort, non è una colpa tutto questo, il ricco non fa male a nessuno, non tratta male il povero, non lo umilia davanti a tutti, peccato che NON LO VEDE PROPRIO! Ecco come nasce il grande abisso: sulla terra ci sono due uomini che sono uno l’opposto dell’altro, chi ha troppo e chi ha troppo poco, una voragine in quanto a stile…ma è solo morendo che il ricco si accorge del povero, è In cielo che vede la ‘ricchezza’ del povero che non ha visto in terra.
A noi, nella bella notizia di questa domenica, è data una possibilità che è quella di accorgerci dell’altro, di sentire il suo profumo di bellezza anche quando puzza e ci dà fastidio, di sentire che l’altro ci riguarda. Quello che noi saremo domani è quello che noi stiamo scegliendo di essere oggi, in questo momento. Dio è eternamente alla ricerca dell’uomo, lo cerca e lo trova, sta a noi non perderlo perché ce lo perderemmo per sempre. Il tempo che passa non torna e se non lo vivi in pienezza perdi tutto quello che il tempo porta con sé: incontri, baci, abbracci, gioie, dolori, partenze, arrivi… Nel tempo che passa però c’è tutta la tenerezza di un Dio che ha cura della sua creatura, che si lascia coinvolgere e avvolge di sorrisi la sua storia e, questo, se lo scegli, non lo perderai più.
È un Dio che, in questa tenerezza, apre la porta del possibile con tutta la libertà di scelta: sono io a decidere chi voglio essere, ricco di beni o ricco di Dio, ma comunque figlio di un Dio rispettoso, che si toglie i sandali prima di entrare nella mia storia, perché la mia è storia sacra.
Io apro la porta del possibile di Dio e, come diceva san Vincenzo de’ Paoli, con tutta la consapevolezza di sapere che prima di me c’è un tu di cui accorgermi e prendermi cura: «Se stai pregando e un pove­ro ha bisogno di te, lascia la preghiera e vai da lui. Il Dio che trovi è più sicuro del Dio che lasci». Ricordiamocelo, in modo particolare oggi che è la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato il cui titolo è molto paradigmatico: “Non si tratta solo di migranti”.
Ciao belli